Le infezioni non si limitano a sorgere e a manifestarsi negli ambienti e nelle strutture ospedaliere, e noi di AMIL Care lo sappiamo bene. In particolare, il settore alimentare non può e non deve esimersi da una corretta applicazione delle linee guida e dei protocolli vigenti dedicati a alla sanificazione.

AMIL Care propone un’efficace arma per debellare il rischio di infezioni nell’ambiente alimentare: è Medisystem, un sistema pensato per affrontare le sfide quotidiane che l’industria alimentare combatte, ogni giorno, in tema di sanificazione.

Premessa

La sanificazione nell’industria alimentare è da sempre un tema da porre al centro dell’attenzione, e in questo periodo di emergenza da Covid-19 risulta esserlo ancor di più: le infezioni, infatti, non sono prerogativa dell’ambiente ospedaliero, ma possono essere prese anche a tavola. Sono molte, infatti, le infezioni alimentari – dette anche tossinfezioni o tossinfezioni alimentari – che possono riguardare l’intero processo produttivo del sistema alimentare, in ognuna delle sue fasi.
Produzione, lavorazione, confezionamento, distribuzione, deposito, vendita, somministrazione: la tutela igienico-sanitaria degli alimenti va garantita in ogni momento del processo, grazie alla corretta sanificazione del sistema alimentare e all’utilizzazione di prodotti disinfettanti per l’industria alimentare specifici.

Come avviene la sanificazione? Esiste, in vero, una serie di linee guida che ha come fine primario quello di tutelare la salute del consumatore, ovvero la procedura di sanificazione HACCP (acronimo di Hazard Analysis and Critical Control Points, ovvero il sistema di analisi dei pericoli e punti di controllo critico) e che si basa sull’analisi del rischio per gestire il controllo dei pericoli di contaminazioni di natura biologica, fisica o chimica – che si tratti di lieviti e muffe, oppure di batteri, o ancora di virus – che possono compromettere la salubrità degli alimenti all’interno del sistema alimentare e favorire la trasmissione di malattie di diversa gravità.
Obiettivo prioritario è, quindi, garantire una maggiore sicurezza degli alimenti, mediante trattamenti sostenibili che prevedano sistemi privi di effetti residuali. Lo strumento più efficace e idoneo per garantire il consumo di prodotti dalle caratteristiche qualitative e di sicurezza elevate è, ancora una volta, la sanificazione, in particolare la sanificazione mediante sanificanti HACCP.

Quanto vivono i prodotti sullo scaffale?

Dalla fase di recupero all’arrivo sullo scaffale del supermercato, tutti i prodotti alimentari subiscono una serie di alterazioni determinate dalla modificazione delle condizioni ambientali e fisico-chimiche-microbiologiche iniziali.
Ovviamente, questa modificazione ha degli effetti che possono essere visibili, oppure riguardare la sfera dell’odorato e del gusto: spesso queste caratteristiche sono riscontrabili in contemporanea.
Gli effetti più comuni, infatti, si riscontrano sull’aspetto esteriore e sul gusto, come il calo del peso del prodotto, la freschezza, fragranza e sapore, il colore, il grado di maturazione e la presenza di muffe e di agenti patogeni.
Le cause sono di diversa natura: dalle naturali proprietà fisiche dell’aria, a quelle intrinseche negli alimenti: un prodotto che “sta andando a male” produce etilene. L’etilene, l’ormone naturale della maturazione, innesta autonomamente questo processo nei prodotti provocandone, quando non correttamente controllato, la naturale sovramaturazione e il conseguente deperimento.
Oltre alle cause naturali e chimiche, tuttavia, esistono altri modi con i quali le tossinfezioni possono innescarsi, come un’inadeguata pulizia e disinfezione degli strumenti, l’inquinamento, l’utilizzo di disinfettanti inefficaci e pericolosi, l’esposizione a rischio chimico e biologico, o condizioni di conservazione inadeguate.

Infezioni in ambito alimentare: quali sono le più comuni?

Andiamo per gradi. Cosa sono le infezioni alimentari? E quali sono le più comuni? È bene iniziare col dire che, in generale, esistono oggi più di 250 tossinfezioni alimentari, causate da diversi agenti patogeni, anche se principalmente da virus, batteri e parassiti. Con il passare del tempo, sono stati identificati nuovi patogeni, detti patogeni emergenti, che molto spesso si diffondono sia durante il processo produttivo, sia durante gli scambi commerciali o direttamente negli spazi adibiti alla ristorazione. Ma quali sono i patogeni emergenti? Tra i più comuni ricordiamo il Campylobacter jejuniEscherichia coliListeria monocytogenesYersinia enterocolitica.
Le tossinfezioni alimentari possono avere origine biologica, ma anche chimica: ad esempio, i pesticidi utilizzati in agricoltura possono causare contaminazioni che, arrivando alle nostre tavole, possono causare problemi di salute anche molto gravi.
La contaminazione dei cibi può avvenire in diversi modi: la carne potrebbe essere intaccata da alcuni microrganismi presenti nell’intestino degli animali durante la macellazione, frutta e verdura possono essere lavate con acqua contaminata, o ancora durante la fase di manipolazione nella preparazione degli alimenti. Comunque sia, data la facilità di contaminazione, è bene avere in chiaro che esistono degli strumenti pensati proprio per prevenirne il rischio.

AMIL Care e la sanificazione in ambito alimentare

AMIL Care propone uno strumento molto importante nella lotta contro le infezioni alimentari: Medisystem.
Grazie al suo brevetto internazionale, il sistema Medisystem sanifica saturando uno spazio confinato, erogando il prodotto in quantità e con cadenza costanti, secondo il protocollo assegnato. L’azione di Medisystem è in grado di arrivare anche nei punti di difficile raggiungimento.
Il sistema, si basa sulla micronebulizzazione automatizzata dei prodotti chimici AMIL Care: Sanibios, a base di perossido di idrogeno, e Lytecare a base di acido ipocloroso. I prodotti chimici sono studiati, sviluppati e prodotti da AMIL Care al fine di ottenere la più alta efficacia nella sanificazione, nel massimo rispetto per l’ambiente: mai come in questo momento storico si sta ponendo la giusta attenzione su tematiche ambientali, per troppo tempo ingiustamente trascurate.
I micronebulizzatori Teknobios trattano dai 10 ai 5.000 m3, mentre Maxibios arriva a coprire fino ai 10.000 m3.
L’erogazione dei prodotti chimici AMIL Care, tramite micronebulizzazione, associata all’efficacia dei loro principi attivi, permette al sistema Medisystem di raggiungere risultati di sanificazione particolarmente significativi, con una velocità non riscontrabile in altre applicazioni e senza lasciare residui o sgradevoli odori. Il tutto nel rispetto delle norme HACCP vigenti.